Avvocato Nicola Ricciardi, il Redditometro deve considerare anche i redditi da capitale

Avvocato Ricciardi spiega applicazione redditometroIn che modo va applicato il “famigerato” redditometro? L’Avvocato Nicola Ricciardi riporta la sentenza 146/1/13 della Commissione Tributaria Provinciale di Bari, che sostiene: È illegittimo l’avviso di accertamento basato sull’utilizzo dello strumento redditometrico che non consideri i redditi da capitale.

La vicenda riguarda un atto con cui l’ufficio contestava al contribuente per due annualità d’imposta uno scostamento particolarmente rilevante tra reddito dichiarato e reddito accertato; sfuggiva però alle considerazioni dell’Ente impositore che, oltre al reddito derivante da pensione regolarmente imputato al contribuente, quest’ultimo percepiva anche altri redditi da capitale, anche questi regolarmente dichiarati e precedentemente assoggettati a ritenuta d’imposta.

Per la Commissione, la mancata considerazione dei redditi da capitale da parte dell’Ufficio fa venire meno la ragionevole concretezza che porta poi a integrare i requisiti di gravità, precisione e concordanza alla base dello strumento accertativo; per i giudici, infatti, un accertamento del genere, basato sulla presunzione semplice del redditometro, che consideri come scarsa la capacità reddituale del contribuente perché allo stesso imputi solo i redditi da pensione e non anche quelli da capitale, rende l’atto illegittimo perché mancante dei necessari requisiti di gravità, precisione e concordanza.

Avvocato Nicola Ricciardi, il Redditometro deve considerare anche i redditi da capitaleultima modifica: 2014-06-25T16:14:52+00:00da nicolaricciardi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento