Notifica di cartelle esattoriali nulla, i consigli dell’Avvocato Nicola Ricciardi

Nicola Ricciardi notifica cartella esattorialeImportante sentenza, la 241/1/14 emessa dalla Commissione Tributaria Regionale di Torino, perché stabilisce che la nullità della notifica della cartella da parte dall’Agente della Riscossione esclusivamente via posta, senza l’intermediazione di un soggetto abilitato.

Il caso è commentato dal tributarista Nicola Ricciardi, che riepiloga cosa è avvenuto: il contribuente ha richiesto l’annullamento della cartella esattoriale eccependone la nullità dovuta a varie cause tra cui le modalità di notifica. In primo grado la Commissione ha respinto il ricorso spiegando che la convenzione tra Agente della Riscossione e servizio postale consente la modifica tramite lettera.

Il contribuente ha ricorso in appello e i Giudici di secondo grado hanno ribaltato la sentenza, tenendo conto della modifica della legge n. 46/99, sottolineando che “la cartella è notificata dagli ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati dal concessionario nelle forme previste dalla legge… La notifica può essere eseguita anche mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento”; infine hanno aggiunto che “la cancellazione del soggetto esattore, laddove si sta aggiornando e modificando la norma, è manifestazione da parte del legislatore della volontà di escludere la possibilità che la notifica avvenga da parte del soggetto non specificamente legittimato. Solo i soggetti legittimati (ufficiali della riscossione, messi comunali, agenti della polizia municipale) quindi, avrebbero la possibilità di notificare la cartella avvalendosi del servizio postale, in alternativa alla ricerca personale del destinatario”.

In ragione di questo non è ammessa nemmeno alcuna sanatoria ex art. 156 c.p.c., poiché la notifica non è stata eseguita da un soggetto legittimato.

Notifica di cartelle esattoriali nulla, i consigli dell’Avvocato Nicola Ricciardiultima modifica: 2014-02-24T13:43:30+00:00da nicolaricciardi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento